I piatti tipici di Cagliari e dove assaggiarli

1 Condivisioni

L’estate è ormai iniziata e sicuramente la voglia di viaggiare è tanta, quindi noi di Kappuccio vorremmo darvi delle piccole pillole su quelli che sono i piatti e le preparazioni tipiche del nostro paese. Oggi vi portiamo in una delle nostre isole maggiori: la Sardegna, per scoprire i piatti tipici di Cagliari e dove assaggiarli.

Se volete viaggiare con noi alla scoperta dei piatti tipici di Cagliari e dove assaggiarli, continuate a leggere l’articolo.

Cagliari nome e leggenda

I piatti tipici di Cagliari e dove assaggiarli

Prima di parlare di sapori, parliamo un po’ della storia e dell’etimologia di questa bellissima città. Il nome Cagliari, secondo l’etnologo Max Leopold Wagner, deriva dal protosardo kar e ali. In base agli antichi linguaggi mediterranei, è probabile che l’insieme di queste due parole significasse “località rocciosa”. In seguito, il nome ha subito varie modifiche nella storia fino all’attuale denominazione “Cagliari”. La fondazione di questa città ha origini mitiche, in quanto lo scrittore latino Gaio Giulio Solino sosteneva che Caralis (denominazione latina della città) sia da imputare ad Aristeo, figlio di Apollo. Quest’ultimo, sposato con la ninfa Cirene, portò la conoscenza dell’agricoltura alle popolazioni indigene fondando in seguito la città di Caralis, sulla quale regnò.

La tradizione culinaria cagliaritana

I paitti tipici di Cagliari e dove assaggiarli - Veduta di Cagliari all'imbrunire
Veduta di Cagliari all’imbrunire – Photo by Sensei Minimal on Unsplash

La vicinanza al mare del capoluogo sardo e l’influenza catalana e genovese hanno permesso a questa città di sviluppare una ricca tradizione culinaria legata ad antiche usanze. Ovviamente i prodotti ittici fanno da protagonisti, ma non mancano poi piatti a base di carne come l’agnello in umido e il tradizionale porceddu. Però, i più famosi e tipici sono: la fregula con cocciula, cocciula e cozzas a schiscionera, Su mazzamurru a sa casteddaia e Papassinu.

La Fregula con cocciula 

Questo piatto della tradizione culinaria cagliaritana è fatto con un tipico formato di pasta chiamata fregula. Questa pasta realizzata con farina di semola ha origini antichissime. Il suo nome deriverebbe dal latino ferculum che significa “briciola”. Infatti, questo formato di pasta assomiglia proprio a tante piccole briciole. Talvolta la fregula si associa al Cuscus, però queste due preparazioni si differenziano per la metodologia di cottura: il Cuscus si prepara al vapore, mentre la Fregula si prepara bollita o risottata. In Sardegna esistono, poi, varie versioni di questa preparazione che, in base alla località dell’isola nelle quali vengono realizzate, subiscono alcune variazioni. La più famosa a Cagliari è però quella con le “cocciula”, ossia le vongole veraci tipiche del territorio. Questa ricetta, tipica e tradizionale di Cagliari, viene tramandata da tempo immemore.

📍Ristorante Flora
Indirizzo: Via Sassari, 45 – 09124 Cagliari (CA)
Sito

Cocciula e cozzas a schiscionera

Cozze e vongole alla schiscionera - I piatti tipici di cagliari e dove assaggiarli
Photo by Nikolay Smeh on Unsplash

Questa ricetta è un piatto semplice, ma dal gusto autentico. Si tratta di un tegame di cozze e vongole condite con ingredienti genuini, ovvero olio d’oliva, aglio, prezzemolo e pane grattugiato. Questa ricetta racchiude al suo interno tutto il gusto del mare. Perfetto da assaggiare durante una giornata estiva, magari in riva al mare. Il vero segreto di questo piatto sta nel riutilizzo dell’acqua rilasciata durante la cottura dai frutti di mare, che ne raccoglie la vera essenza, impreziosita poi dal vino bianco e dall’aggiunta di un pizzico di peperoncino. È perfetto servito con crostini di pane casereccio per raccogliere il sugo delle cozze, una volta che le avete assaporate.

📍Trattoria l’infinito
Indirizzo:Via Santa Gilla, 39, 09122 Cagliari CA
Sito

📍Antica Hostaria
Indirizzo:Via Cavour, 60, 09124 Cagliari CA
Sito

Su mazzamurro

Questo piatto appartiene alla cucina povera e alle necessità di chi un tempo poco aveva, ma ricercava in ogni modo, anche nella semplicità, il gusto. Infatti il su mazzamurro nasce come ricetta per riciclare il pane raffermo, che, piuttosto che essere buttato, si mette a bagno nel brodo e poi lo si alterna a strati con sugo di pomodoro e formaggio di pecora, proprio come si farebbe per un pasticcio. La bontà di questo piatto sta proprio nella sua semplicità, poiché a volte è proprio nelle ricette più semplici che si ritrovano sapori genuini e indimenticabili.

Malloreddus  alla campidanese e altre tipicità

Questo si realizza con i “malloreddus”, un tipico formato di pasta della Sardegna, a volte denominati anche “gnochetti sardi”. Questa pasta, tipica dell’isola, la preparavano le massaie per le grandi occasioni, come i matrimoni o le feste paesane. La denominazione “malloreddus” deriverebbe invece da alcune fonti dal latino “mallolus”, che vuol dire “piccolo tronchetto”. Un’altra interpretazione farebbe invece risalire il loro nome dal sardo campidanese “malloru” che significa “toro”, di conseguenza malloreddus significherebbe “vitellini”. In ogni caso, questa pasta è molto apprezzata e conosciuta sia sull’isola che in tutta Italia. Il suo condimento tradizionale è il tipico ragù, composto da salsiccia sarda a cui vengono aggiunti alcuni fili di zafferano prima del servizio. Anticamente, invece, lo zafferano si aggiungeva direttamente nell’impasto dei malloreddus. Questa usanza è andata poi perduta probabilmente per rendere la pasta adatta anche ad altri abbinamenti.

I tipici “Papassinnu” sardi, deliziosi dolcetti realizzati per la ricorrenza di Ognissanti

Questi che abbiamo citato sono solamente alcuni dei piatti tipici di Cagliari, già che sono molto apprezzati anche la burrida a sa casteddaia, un piatto a base di gattuccio marino, e, come dolci, i Papasinnu, un dolce tipico di Cagliari confezionato tipicamente per la ricorrenza di Ognissanti. Quest’ultimo è fatto di una pasta frolla arricchita da noci, mandorle, miele e uva passa dalla quale prende il nome.

📍Sa Domu sarda
Indirizzo:Via Sassari, 51, 09124 Cagliari CA
Orari: 12:30-15:30 19:30-23:00
Sito


Per concludere questo articolo possiamo dire che Cagliari è una città stupenda e ricca di storia. Quindi speriamo che vi sia venuta voglia di visitarla e di degustare i suoi mille sapori di terra e di mare!

Vi ricordiamo di seguire @Kappuccio su Instagram, su Facebook e iscrivervi alla nostra newsletter per rimanere aggiornati sulle cose più belle da fare fuori e dentro l’Italia!

💬 Vuoi scoprire i posti più particolari di tutta Italia?Iscriviti alla nostra newsletter mensile! Mandiamo sempre solo le attività più interessanti.
1 Condivisioni

Matteo Corazza

Potrebbe piacerti...

Che ne pensi?

Vogliamo che tu faccia parte del nostro movimento.Crediamo che l'Italia sia il paese più bello al mondo.

E con la nostra newsletter mensile (sì, solo una volta al mese) condividiamo con te gli ultimi articoli, notizie, e cose da fare in Italia, tutto esclusivo e fatto in casa. 😉

Ti aspettiamo dall'altra parte!

Crediamo che l'Italia sia il paese più bello al mondo, per questo vogliamo scoprirlo fino in fondo.

Il mondo sarà pieno di meraviglia, ma l'Italia ne avrà sempre di più. Vogliamo scoprirle tutte e condividerle con te, e se le vuoi ricevere via mail una volta al mese, sai cosa fare! 👇🏼