Tutte le strade portano a Roma, dicono. Eppure molti giovani italiani, la nostra bella Capitale, non l’hanno mai vista. Siamo rapidi a pianificare gite last-minute all’estero, eppure ci dimentichiamo che c’è molto da vedere qui, a casa nostra, anche in sole 24 ore. Per questo, vi propinano di visitare Roma con noi in così poco tempo.

Roma bella, tu, le muse tue
Asfalto lucido, “Arrivederci Roma”
Monetina e voilà
C’è chi torna e chi va
La tua parte la fai, ma non sai che pena mi dai

Vacanze Romane

Per chi non ci credesse ancora: eh sì, è possibile visitare Roma in un giorno solo e io l’ho fatto, cari lettori. Seguendo questa guida potrete scoprirne tutte i vari aspetti; da quello più autentico, a quello più popolare e turistico. Sono partito per quest’avventura un po’ per incoraggiarvi a fare lo stesso, un po’ anche per la mia pancia (lo ammetto). ’Namo!

Sistemazione

Tra le sistemazioni che posso consigliarvi ci sono:

  • Relais Dante, camere accoglienti, gestito da una giovane coppia simpaticissima e disponibile, si trova in Via Ferruccio 44, vicino alla stazione di Termini, che vi darà anche dei buoni per fare colazione in un bar lì vicino (“069”) per cominciare la giornata con delle vere chicche napoletane.
  • Eurostars Roma Aeterna, per un soggiorno un po’ più di lusso, nel vivace quartiere del Pigneto, precisamente in Via Casilina 125, dove intorno è pieno di locali dove fare apertivi e divertirsi con gli amici.

PRIMA TAPPA (consigliatissima): Bar Caffè Necci

Per visitare Roma in 24 ore bisogna iniziare a stomaco pieno. Necci si trova nel quartiere del Pigneto dove amava trascorrere il suo tempo libero niente popò di meno che Pier Paolo Pasolini, celebre scrittore e direttore cinematografico del neorealismo italiano. Il bar vi offre un’ampia scelta di biscotti, torte, brioche dolci e salate, tramezzini, bevande e chi più ne ha più ne metta. Tutto ciò in un’atmosfera calda, rilassante e accogliente che vi farà sentire come a casa vostra e che ci crediate o no, io che vivo a Barcellona faccio fatica a trovare delle brioche che non abbiano dentro cioccolato, quindi immaginate la mia felicità nel vedere quelle alla crema, meraviglia!

Da provare: mini sacher e torta mela, crema e cannella. Una parola: divine!

Le prelibatezze del Necci

Come resistervi!

SECONDA TAPPA: il centro

Scendiamo alla fermata di metro Circo Massimo (Linea B) e andiamo verso Piazza Pietro D’Illiria. Qui vi troverete il mio posto preferito di tutta la città: il Giardino degli Aranci. Per me, uno dei luoghi più romantici e incantevoli del mondo, dove potete godere della vista di tutta Roma o guardare attraverso il Buco della serratura, che si trova nel cancello del Priorato dei Cavalieri di Malta… è l’unico presente, e ci sono sempre i turisti a fare la fila, lo riconoscerete!

La vista mozzafiato del Giardino degli Aranci

FUN FACT

Guardate nella serratura del cancello e poi, provate a scattare una foto… non vi anticipo nulla!

Piazza Cavalieri di Malta

Ci spostiamo poi verso il centro e arriviamo (per chi proprio non se la sentisse, anche con i mezzi pubblici tra cui la Linea A della metropolitana, o i bus 51, 75, 85, 87) a Via dei Fori Imperiali. Qui si può godere della vista del Colosseo, dei Fori e, arrivati alla fine della passeggiata, in Piazza Venezia, del fantastico Vittoriano, o Altare della Patria (uno dei simboli patri italiani per eccellenza inaugurato sul Campidoglio nel 1911), con Colonna Traiana giusto al suo fianco. Un vero e proprio tuffo nel passato!

Un’autentica meraviglia!

L’impressionante Altare della Patria

FUN FACT

La Colonna Traiana è un monumento che celebra la conquista della Dacia da parte dell’Imperatore Traiano (adesso vi ricordate cosa dovevate scrivere in quella famosa verifica di storia al liceo…). Fu la prima colonna coclide (per la scale a chiocciola al suo interno) mai realizzata, con un lunghissimo fregio che si avvolge attorno al fusto della colonna che rievoca tutti i momenti salienti della conquista, un po’ come una primitiva pellicola di un film!

TERZA TAPPA: Shopping-therapy!

Beh insomma, penso che per compensare tutta questa carrellata di cultura serva uno stacco, che ne dite? Visitare Roma in 24 ore non vuol dire solo monumenti.  E a proposito di s-tacco, non dimentichiamoci che anche la moda fa parte della cultura italiana, quindi perché non togliersi uno sfizio e passare per Via del Corso, piena di negozi e di (bizzarri) artisti di strada. Da lì, per continuare a fagocitare cultura e storia (inevitabili in una città come Roma) basta prendere le varie vie traverse, tranquilli, grazie alle indicazioni non vi perderete, per arrivare a uno dei gioielli più ambiti: la Fontana di Trevi, o, alla fine del Corso, a Piazza del Popolo, una delle piazze più belle e famose d’Italia dove potete ammirare la Fontana del Nettuno.

Via del Corso

La spettacolare Fontana di Trevi

E la pausa pranzo?

Città affascinante ma… non vi è venuta fame? Ricordatevi che in 24 ore dovete visitare tutta Roma! Per mangiare qualcosa di rapido potete sempre rivolgervi ai soliti fast food, ma siete in Italia! Quindi godetevi appieno i sapori caserecci e se avete voglia di provare la vera cucina romana, potete provare questi ristoranti:

  • Vecchia Roma in Via Ferruccio 12 (Linea A Emanuele)
  • Felice in Via Mastro Giorgio 29 (Testaccio, autobus 75 o Linea B Piramide) con cacio e pepe come piatto forte
  • Ai Marmi, in Viale di Trastevere 53, o Sisini, in Via di S. Francesco a Ripa 137, entrambi specializzati in supplì (Tram 8 Trastevere/Mastai)
  • Grazie & Graziella in Largo M. D. Fumasoni Biondi 5, una tipica osteria sempre in zona Trastevere (un po’ più scomoda da raggiungere, autobus 115 o tram 8 ma con una bella passeggiata!)
Carbonara, nettare degli Dei!

Non c’è niente di meglio che gustarsi appieno i sapori locali, il tutto condito da un’ottima compagnia, cosa volete di più? (E non rispondetemi “Un Lucano” ormai è datata come battuta!)

QUARTA E ULTIMA TAPPA (bonus): Basilica di San Pietro e Castel Sant’Angelo

Se siete riusciti a sopravvivere a tutte le tappe precedenti e a riempirvi la pancia come si deve, non vi resta che visitare il fulcro della Cristianità. Sia che siate credenti o meno penso sia una visita obbligatoria! La Basilica, la Piazza e il Castello sono sempre una vista mozzafiato quindi fermatevi un momento per osservarli bene: la perfezione e la simmetria delle colonne (ben presto capirete che sono un inguaribile perfezionista), la cupola di San Pietro e l’Angelo del Castello che si ergono sulla città… non c’è altro da aggiungere secondo me!

Castel Sant’Angelo

Piazza San Pietro

Vuoi salvarti i suggerimenti di Kappuccio? Ecco la nostra mappa interattiva!

Soddisfatti?

Siete riusciti a visitare Roma in sole 24 ore, come il sottoscritto? Anche se ci sarebbe ben più da visitare, speriamo di avervi fatto appassionare ancora una volta alle bellezze del nostro paese e magari, avervi incuriosito a intraprendere la nostra stessa iniziativa. Se così fosse (cosa di cui sono sicuro) continuate a leggere il nostro sito per altre avventure nella città più belle d’Italia.

Vi ricordiamo di seguire @Kappuccio su Instagram e su Facebook per rimanere aggiornati sulle cose più belle da fare fuori e dentro l’Italia!

💬 Vuoi scoprire i posti più particolari di tutta Italia?Iscriviti alla nostra newsletter mensile! Mandiamo sempre solo le attività più interessanti.
46 Condivisioni
Categories: Italia Lazio Roma