Pier Paolo Pasolini: una mostra a Bologna per le sue “folgorazioni figurative”

0 Condivisioni

Quest’anno ricorre il Centenario della nascita di Pier Paolo Pasolini e, come molte altre città, anche Bologna ha deciso di celebrarne il talento e l’estro intellettuale e artistico con un fitto calendario di eventi, mostre e proiezioni che si avvicenderanno per tutto il 2022.
Oggi però vogliamo concentrarci in particolare sull’esposizione che secondo noi aiuta a capire meglio le prime importanti suggestioni o, meglio, “folgorazioni” che ispirarono e indirizzarono il suo sguardo giovanile. La mostra in questione è Pier Paolo Pasolini. Folgorazioni figurative promossa dalla Cineteca di Bologna con il patrocinio dell’Università Alma Mater Studiorum e il sostegno del Ministero della cultura e della Regione Emilia-Romagna.

Curata da Marco Antonio Bazzocchi, Roberto Chiesi e Gian Luca Farinelli, è visitabile dal 1 marzo al 16 ottobre 2022 negli spazi espositivi del Sottopasso di Piazza Re Enzo.

Venite con noi a scoprire la mostra di Pasolini a Bologna aperta fino al 16 ottobre 2022!

Pasolini e Bologna

Mostra Pasolini Bologna 2022
Foto del libretto d’iscrizione universitaria di Pasolini presso l’Università di Bologna.

Bolognese di nascita, Pasolini visse qui proprio nel periodo adolescenziale e giovanile per circa sette anni, “forse i più belli”, come scrive lui stesso in Un paese di temporali e primule. Quegli anni, dal liceo all’università, si sono rivelati decisivi per la sua formazione artistica e culturale così come la conoscenza con il maestro Roberto Longhi che ha il merito di averlo indirizzato verso l’arte figurativa, sua passione e guida per tutti gli anni a venire.

La mostra su Pasolini a Bologna dal 1 marzo al 16 ottobre 2022

La mostra è allestita nel cuore di Bologna nei locali sotterranei presenti nel sottopasso di Piazza Re Enzo (vicino Piazza Maggiore). In questi corridoi dall’atmosfera suggestiva e un po’ misteriosa, si cerca di ripercorre passo dopo passo tutte le tappe fondamentali che hanno contribuito alla costruzione dell’immaginario pasoliniano.

Nella prima parte dell’esposizione si alternano foto di Pasolini (da bambino, in famiglia; da studente, con gli amici, tra le strade di Bologna) a documenti relativi ai suoi studi universitari e alle sue prime pubblicazioni su riviste bolognesi. Inoltre non mancano già le prime suggestioni, ovvero quadri e artisti che hanno contribuito a creare il suo immaginario figurativo dai banchi dell’Università ai primi anni Quaranta.

Dalla pittura friulana si passa poi alla scoperta di Roma e del cinema e a questo punto il percorso diventa un dialogo continuo tra arte e “folgorazione” che, in parole molto semplici, potremmo tradurre come l’ispirazione che nacque in Pasolini di fronte a determinate opere e modalità pittoriche. Si susseguono nelle gallerie foto d’archivio, ma soprattutto immagini della grande tradizione pittorica a confronto con quelle dei suoi celeberrimi film. Ed è impressionante rendersi conto di quanto lo studio e l’amore per l’arte siano stati fondamentali nella produzione artistica di Pasolini.

L’esposizione è allestita in ordine cronologico: dall’esordio con Accattone nel 1961, passando per Il Vangelo secondo Matteo, fino all’ultimo film, postumo, di Salò del 1975. Proiezioni di stralci di queste opere si alternano a foto inedite scattate direttamente sul set in un gioco di rimandi pittorici, e non, che cercano di tratteggiare in maniera più netta i contorni di Pasolini come uomo, intellettuale e regista.

Il pensiero selvaggio

Dalla genuina spontaneità di Franco Citti si passa alla risata contagiosa di Anna Magnani. Dal piglio stravagante e umano di Totò in Uccellacci e uccellini (1966) all’innata eleganza di Maria Callas in un susseguirsi di volti e storie. Non mancano gli aneddoti e le video interviste (come quella fatta a Pasolini da Agnes Varda nel 1967 a New York) e tutto concorre a delineare e chiarire l’intenso quanto poliedrico percorso creativo di Pasolini tra intuizione, sperimentalismo e coraggio.

Pier Paolo Pasolini. Folgorazioni figurative
Indirizzo: Sottopasso di Piazza Re Enzo, Bologna
Date: dal 1 marzo 2022 al 16 ottobre 2022
Orari: da lunedì a venerdì: 14.00 – 20.00
sabato, domenica e festivi: 10.00- 20.00
Chiuso il martedì
Per info, visite guidate e prenotazioni gruppi: 051 219 4150
bookshop@cineteca.bologna.it
Prezzi biglietti: intero 10€
ridotto 7€
0-6 anni gratuito
7-17 anni 5€
Prenotazioni online
Biglietteria fisica: Bookshop della Cineteca (sotto il Voltone di Palazzo Re Enzo)


È difficile condensare in pochi paragrafi la complessità e la bellezza racchiuse in questa mostra, speriamo comunque di essere riusciti a solleticare la vostra curiosità e a instillare in voi qualche “folgorazione” pasoliniana. Vi consigliamo vivamente di visitarla se siete nei paraggi e avete voglia di approfondire o scoprire la produzione cinematografica di Pasolini. Fateci poi sapere cosa ne pensate!

Siete ancora in cerca di mostre a Bologna? Fino al 17 luglio 2022 trovate quella dedicata a Lucio Dalla, ma ci sono anche tanti musei gratuiti da visitare in città! Invece per un buon pranzo ristoratore a base di piatti tipici cliccate qui.

Vi ricordiamo di seguire @Kappuccio su Instagram, su Facebook e di iscrivervi alla nostra newsletter per rimanere aggiornati sulle cose più belle da fare fuori e dentro l’Italia!

💬 Vuoi scoprire i posti più particolari di tutta Italia?Iscriviti alla nostra newsletter mensile! Mandiamo sempre solo le attività più interessanti.
0 Condivisioni

Federica Biasco

Potrebbe piacerti...

Che ne pensi?

Vogliamo che tu faccia parte del nostro movimento.Crediamo che l'Italia sia il paese più bello al mondo.

E con la nostra newsletter mensile (sì, solo una volta al mese) condividiamo con te gli ultimi articoli, notizie, e cose da fare in Italia, tutto esclusivo e fatto in casa. 😉

Ti aspettiamo dall'altra parte!

Vogliamo che tu faccia parte del nostro movimento.Crediamo che l'Italia sia il paese più bello al mondo.

E con la nostra newsletter mensile (sì, solo una volta al mese) condividiamo con te gli ultimi articoli, notizie, e cose da fare in Italia, tutto esclusivo e fatto in casa. 😉

Ti aspettiamo dall'altra parte!

Crediamo che l'Italia sia il paese più bello al mondo, per questo vogliamo scoprirlo fino in fondo.

Il mondo sarà pieno di meraviglia, ma l'Italia ne avrà sempre di più. Vogliamo scoprirle tutte e condividerle con te, e se le vuoi ricevere via mail una volta al mese, sai cosa fare! 👇🏼